Diari di bordo > Lunedì 20 Aprile – Ospedale di Lita: insieme rendiamo unico il momento della nascita
Lunedì 20 Aprile – Ospedale di Lita: insieme rendiamo unico il momento della nascita

Anche Dally  mi conferma, come Deo, che qui si parlano 3 lingue oltre al francese, e gli ufficiali dello Stato le devono sapere perfettamente tutte e 4.

Mi chiede poi se a parte il francese in Italia si parlino altre lingue ed io le rispondo che da noi si parla solo italiano!

Entrambi siamo rimasti stupiti: io della sua domanda, lei della mia risposta.

Con Dally sono all’Ospedale di Lita dove ci accoglie Docteur Patience, medico e capo del distretto sanitario della zona rurale di Lita.Simpatica e cordiale i 2 aggettivi con cui la descriverei. Con entusiasmo e soddisfazione attraversiamo i reparti dell’Ospedale, da medicina generale a pediatria, vedendo in funzione le attrezzature sanitarie portate qui da Imagine a Dicembre del 2013, appena dopo la mia prima missione.

Oggi grazie ai pannelli solari nel laboratorio centrale dell’Ospedale si riesce a riscaldare l’acqua e fornire elettricità.

Mentre raggiungiamo l’altra opera in realizzazione, la sala parto, Docteur Patience continua dicendo “e una volta messa a punto questa sala (…la sala parto) gli stessi pannelli solari e tutta l’attrezzatura sanitaria saranno reinseriti al posto giusto, cioè qui”. Così finalmente l’Ospedale di Lita potrà avere un luogo preposto al parto con la presenza di uno studio medico nella stessa struttura per gestire i casi semplici e quelli più delicati, preservando la privacy delle partorienti e facendo lavorare ostetriche e infermieri adeguatamente qualificati.

Piccoli obiettivi, quelli di Imagine, ma che fanno la differenza.

Ad oggi le mamme a Lita partoriscono e si fermano i primi giorni in alcuni reparti, ad esempio in quello di medicina generale, dove ci sono posti disponibili, condividendo gli spazi anche con pazienti uomini. Non c’è alcuna privacy né per le mamme né per i papà.

“La realizzazione della sala parto avrà da qui a breve un impatto straordinario su tutto l’Ospedale, perché fin’ora è stato tutto così provvisorio da rendere meno bello il momento della nascita, momento così importante  per la vita della nostra gente” afferma Docteur Patience.